Possiamo forse dire che il Direttore delle Relazioni Istituzionali di Sisal, importante concessionario nel settore del gioco d’azzardo lecito, ha aperto un “filone” dialettico con la Regione Lombardia che speriamo possa anche essere antesignano di altri rapporti tra altri Concessionari del gioco e le Autorità per finalmente creare un “rapporto” che possa aiutare “tutti” a risolvere alcuni problemi relativi alla tutela dei minori ed alla ludopatia: questi sono argomenti difficili, delicati e da affrontare con immediatezza e fermezza e sopratutto nell’interesse di tutti, cittadini ed operatori. Tra un anno verranno messe in circolazione -almeno il settore del gioco lo sta attendendo ed è anche in attesa della relativa regolamentazione- le new slot machine, apparecchiature di nuova generazione, che conterranno un lettore magnetico che avrà lo scopo di “leggere i codici a barre” -esistenti nella tessera sanitaria- e quindi le schede magnetiche per risalire all’età dei giocatori: a tutela ovviamente dei minori che sono la “parte debole” e persone sensibili e sono assolutamente da tutelare.

I lettori magnetici inseriti nelle new slot, però, contrariamente a voci circolate recentemente, non “leggeranno” le carte di credito: sono attualmente in corso di definizione a cura dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli specifiche regole tecniche relative agli apparecchi di nuova generazione che dovrebbero contenere appunto un lettore automatico per leggere i codici a barre -e quindi per identificare la maggiore età del giocatore- ma non potranno consentire la lettura delle carte di credito oltre tutto non prevista nelle regole tecniche previste nel Decreto.